Massimo Dinoia

Partner

 

T +39 02 7602 5831

+39 02 7602 5835

m.dinoia@dfslex.it

È avvocato dal 1977 ed è abilitato al patrocinio presso le Giurisdizioni superiori.
Ha assunto mandati difensivi nei processi penali che hanno scritto la storia giudiziaria italiana degli ultimi trent’anni. Tra i tanti: il processo per l’omicidio del commissario Calabresi; il processo per i cd. “fondi neri” dell’IRI; il processo IMI – SIR; le inchieste sul Petrolchimico di Porto Marghera e sul crack del Banco Ambrosiano. Si possono anche ricordare le difese nelle inchieste Oil for food, Savoia – gate, Why not e Poseidon e in quelle di Trento e Napoli per i processi inerenti gli emoderivati.
Particolarmente nota, poi, è l’intensa attività svolta all’epoca dell’inchiesta Mani Pulite ed è altrettanto nota la difesa, sia come indagato sia come parte civile, di Antonio Di Pietro.
È stato difensore delle parti civili in altrettanto storici processi: si segnalano, in particolare, quello per il disastro della Val di Stava e quello per il crollo della scuola Jovine in occasione del terremoto in Molise del 31 ottobre 2002.
È oggi titolare di incarichi difensivi nelle vicende processuali di più elevata importanza sul territorio nazionale per reati tributati, societari, fallimentari, finanziari, bancari e per reati contro la pubblica amministrazione, nell’ambito dei quali assiste esponenti dell’imprenditoria, dell’industria e della finanza nazionale ed internazionale.
È consulente di numerose banche e imprese, nazionali e multinazionali, a cui rilascia pareri sui possibili risvolti penalistici connessi ad operazioni di riorganizzazione societaria o nell’ambito delle procedure concorsuali (piani di risanamento, accordi di ristrutturazione, concordati preventivi), oltre che in materia ambientale, tributaria, societaria, finanziaria.
Ha assistito clienti nell’ambito della procedura di Voluntary Disclosure in relazione agli aspetti di rilevanza penalistica ed è stato altresì relatore, sugli stessi temi, in diversi convegni organizzati in Italia e all’estero.
È componente dell’Organismo di Vigilanza di note società quotate italiane.

Lingue straniere: francese.